Il mondo piange: ha fame di Dio – #frammenti

ihs-in-pietra-con-sole-e-quattro-fiori-450x450 Il mondo piange: ha fame di Dio - #frammenti

+ Dal Vangelo secondo Giovanni 6,1-15
In quel tempo, Gesù passò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei. Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere. Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo». Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: «C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cos’è questo per tanta gente?». Rispose Gesù: «Fateli sedere». C’era molta erba in quel luogo. Si misero dunque a sedere ed erano circa cinquemila uomini. Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede a quelli che erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, quanto ne volevano. E quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto». Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d’orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato. Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, diceva: «Questi è davvero il profeta, colui che viene nel mondo!». Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo.

Il mondo piange
Nomadi e Irene Fornaciari

Nell’aria c’è qualcosa che come non so
Rende d’oro l’anima e cadono coriandoli
Di luce che scintillano x noi
Amore santo oh amore in me
Ma il mondo piange vorrei sapere perchè
Il mondo piange vorrei capire perchè
Il mondo piange
Nell’aria c’è profumo di domenica
Nei giorni miei farfalle e malinconie
Che volano di pioggia in lacrime
Per noi, lo sai amore santo oh
Amore in me
Ma il mondo piange vorrei sapere perchè
Il mondo piange vorrei capire perchè
Il mondo piange
Che suono fa
Che bel suono fa
Uhh l’amore santo
L’amore in me! eh eh
Ma il mondo piange vorrei sapere perchè
Il mondo piange vorrei sapere
perchè il mondo piange
Non capisco perchè il mondo piange

Non capisco perchè il mondo piange … Il mondo ha voluto nascondere Dio. Tutta la storia del pensiero occidentale degli ultimi tre secoli è concentrata nel dimostrare che Dio è morto e alla fine si ritrova però con un vuoto dentro il cuore. La volontà di onnipotenza dell’uomo lo porta oltre l’uomo che forza i limiti di cui siamo costituiti e annuncia l’avvento del super-uomo.  Nietzsche in “Zarathustra” afferma che l‘ultimo uomo è  l’uomo a cui non importa nulla della morte di Dio e di conseguenza di ciò che ha un qualsiasi valore spirituale. Si compiace della propria condizione esistenziale di piccolo cabotaggio, appagato di quello  che il mercato gli offre. Il superuomo è lo stesso folle uomo che si rende conto di dover compiere un salto sovraumano per essere all’altezza dell’assassinio degli assassini. La proposta di accettare una vita superomistica  è un invito  che scaturisce da un terribile dramma, e perciò diventa di per sé una proposta eroica. Eroica quanto utopistica, irreale, irragionevole.

Gesù è il Pane di Vita, l’unico che può saziare davvero quella fame di felicità infinità che portiamo nel fondo del cuore e che ci rende inquieti.

“Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto”. Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d’orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato”.

Il miracolo consiste nella condivisione fraterna di pochi pani che, affidati alla potenza di Dio, non solo bastano per tutti, ma addirittura avanzano, fino a riempire dodici ceste. Il Signore sollecita i discepoli affinché siano loro a distribuire il pane per la moltitudine; in questo modo li istruisce e li prepara alla futura missione apostolica: dovranno infatti portare a tutti il nutrimento della Parola di vita, del Pane di Vita eterna e di quella terrena. In questo gesto prodigioso si intrecciano l’incarnazione di Dio e l’opera della redenzione. Cristo è attento al bisogno materiale, ma vuole donare di più, perché l’uomo è sempre “affamato di qualcosa di più, ha bisogno di qualcosa di più” (Benedetto XVI, Gesù di Nazaret, Milano 2007, 311). Nel pane di Cristo è presente l’amore di Dio; nell’incontro con Lui “ci nutriamo, per così dire, dello stesso Dio vivente, mangiamo davvero il «pane dal cielo»” (ibid.).

Nell’Eucaristia Gesù fa di noi testimoni della compassione di Dio per ogni fratello e sorella. Nasce così intorno al Mistero eucaristico il servizio della carità nei confronti del prossimo” (Esort. ap. Post-sin. Sacramentum caritatis, 88).

Affidiamo alla Vergine Maria la nostra preghiera, perché apra il nostro cuore alla compassione verso il prossimo e alla condivisione fraterna. Chiediamo alla Nostra Madre celeste di essere sempre dei veri poveri di spirito, per ritrovare il sapore del pane.

printfriendly-pdf-email-button-md Il mondo piange: ha fame di Dio - #frammenti
8cab945d9047c88c71d548c38aa2c456?s=100&r=g Il mondo piange: ha fame di Dio - #frammenti

Chi sono Davide Vairani

Sono nato il 16 magg­io del 1971 a Soresi­na, un paesino della bassa cremonese. Peccatore da sempre, cattolico per Graz­ia. Se oggi sono cattolico lo devo ad un incontro fondamentale con d­on Luigi Giussani che mi ha educato a vi­vere.

http://www.communitylacroce.it/wp-content/uploads/2018/04/ihs-in-pietra-con-sole-e-quattro-fiori-580x580.jpghttp://www.communitylacroce.it/wp-content/uploads/2018/04/ihs-in-pietra-con-sole-e-quattro-fiori-150x150.jpgDavide VairaniFrammenti#DavideVairani,#FrammentiIl mondo piange: ha fame di Dio - #frammenti + Dal Vangelo secondo Giovanni 6,1-15 In quel tempo, Gesù passò all'altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose...COMMUNITY Il mondo piange: ha fame di Dio - #frammenti