Quando la statistica è infarcita di ideologia

di #DavideVairani

Nel nuovo censimento britannico non ci sarà la casella “Maschio” o “Femmina” per non urtare la sensibilità di persone transgender

“Se non abbiamo più il coraggio di registrare quanti di noi sono maschi e femmine, la Gran Bretagna ha perso il bandolo della matassa”. Robert Hartman sul “Mail Online” commenta così la notizia che nel prossimo censimento nazionale del 2021 gli inglesi non saranno più obbligati a barrare la casella “maschio” o “femmina”: e questo per non urtare la sensibilità di persone transgender o che non si identificano in una scelta binaria.

Potrà apparire a molti una fake news o una delle tante bizzarrie anglosassoni, ma non lo è affatto. La notizia sta girando in tutto il mondo e per l’Italia la riporta anche il “Corriere della Sera” nell’edizione di oggi (clicca qui) con un breve trafiletto. “In un documento condito di gergo politically correct – scrive il giornalista Hartman -, un gruppo di statistici dell’ONS (Office for National Statistics) – l’equivalente dell’Istat per l’Italia ndr – afferma che è giunto il momento di smettere di chiedere alle persone di dichiarare se sono maschi o femmine. In futuro, si legge in questo documento – le persone non dovrebbero rispondere a una tale domanda perché è ‘irrilevante, inaccettabile e invadente’ a alcuni membri della comunità transgender. Anche l’aggiunta di una terza opzione -‘altro’ – è esclusa, sulla base del fatto che questo ‘è stato pensato per omogeneizzare le persone trans e differenziarle dal resto della società’.La risposta, secondo gli esperti ONS, è quella di rendere volontaria la questione del sesso. Nell’ultimo censimento, nel 2011, l’unica domanda volontaria riguardava le credenze religiose. Quattro milioni di persone hanno scelto di non rispondere, mentre un ulteriore terzo di un milione ha sostenuto di sostenere le religioni ‘alternative’ come ‘Jedi'”.

 

Fino a che punto si spinge il mantra dell’egualitarismo che, in nome del “siamo tutti uguali”, finisce per annullare ogni differenza? Quando tutto diventa ideologico nulla si salva e tutto diventa folle. Anche la statistica.

Basterebbe il buon senso per capire che questa proposta è semplicemente folle e senza senso. Ma evidentemente il buon senso è merce rara oggi. “Se questa idea folle dell’ONS venisse adottata – prosegue Hartman-, significherà che la Gran Bretagna non avrà più dati precisi sul numero di uomini e donne del paese, una pietra fondamentale di ogni studio di qualsiasi società.La programmazione del governo su tutto, dall’aspettativa di vita e dalle pensioni all’istruzione e all’assistenza sanitaria, comincerebbe a diventare una pura congettura. E -soprattutto – ogni futuro tentativo di garantire l’uguaglianza tra i sessi risulterebbe irrimediabilmente compromesso se i sessi cessassero di essere sensiti e quindi identificati. Non c’è da meravigliarsi che tante femministe e attivisti dei diritti uguali siano infuriati”.

Ma come mai questi statistici inglesi sono giunti a definire questa proposta? In statistica (come in qualsiasi discplina scientifica rigorosa) non si arriva ad aggiungere o togliere una domanda da un questionario che viene commissionato su scala nazionale. Occorrono motivazioni scientificamente provate, cioè avvalorate dalla ricerca sul campo. Bene. Gli statistici inglesi che cosa hanno fatto? Hanno fatto una sorta di indagine a campione per verificare la corrtezza o meno della loro idea primigenia. E’ tutto rigorosamente riportato sul sito web dell’ONS: “Qualitative research on gender identity: phase 1 summary report”, “Ricerca qualitativa sull’identità di genere: relazione di riepilogo della fase 1”.

Ebbene. Non c’è nulla di scientificamente dimostrato che possa avvalorare le scelte dell’ONS di non censire il dato “maschio” e “femmina”. Come ha fatto notare sempre Hartman, non solo l’indagine è stata condotta su un campione assolutamente non rappresentativo di nulla (in statistica e demografia), cioè meno di 50 persone, ma gli esiti delle interviste in profondità hanno mostrato solo che le persone trans e cisgender intervistate non sono d’accordo su alcuna proposta possibile. “In altre parole, nessuno di questo campione microscopico di persone potrebbe effettivamente concordare su nulla e non erano sicuri di quello che volevano comunque. Si tratta di una relazione di 3.143 parole di persone (altamente intelligenti) della più importante unità di raccolta di dati della terra, che formano le politiche governative verso ogni aspetto della nostra vita per un intero decennio. Queste grandi menti  – gli statistici dell’ONS  ndr – hanno cercato di trascurare una domanda primordiale chiusa da ciascuno di noi il momento in cui arriviamo in questo mondo: ragazzo o ragazza? Eppure, in questa relazione, non troverai mai le parole ‘uomo’ o ‘donna’. Ci sono 44 riferimenti alla popolazione ‘trans’ contro 11 contro la comunità ‘cisgender’. ‘Maschio” e ‘femmina’ si trovano solo una mezza dozzina di menzioni ciascuno”.

Volete sapere la cosa curiosa? Nessun politico inglese ha il potere di fermare una schiocchezza del genere. Perchè? Sebbene fosse un braccio del Tesoro, Gordon Brown trasferì l’ONS all’Autorità di Statistica del Regno Unito, che gode dello stesso status indipendente del comitato monetario della Banca d’Inghilterra. Risponde ad un consiglio di 14 accademici e economisti (nove uomini e cinque donne – per il momento, almeno)”.

Si capisce insomma perchè laproposta dell’ONS abbia suscitato la protesta delle femministe, che vi hanno visto un tentativo di eliminare la presenza femminile. La scrittrice Germaine Greer ha argomentato: “Sono stanca e nauseata da tutto questo. Continuiamo a sostenere che le donne hanno conquistato tutto quello che c’era da conquistare. Ma non hanno conquistato neppure il diritto a esistere”. E l’attivista Stephanie Davies-Arai ha aggiunto: “Il sesso biologico delle donne viene cancellato e questo mi spaventa. Una volta che smetti di raccogliere informazioni, tutto si distorce per le donne”.

Questo è il paradosso dell’ideologia che si vuole tutti uguali per essere alla pari.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
http://www.communitylacroce.it/wp-content/uploads/2017/10/45247C2800000578-4959906-image-a-4_1507455550423.jpghttp://www.communitylacroce.it/wp-content/uploads/2017/10/45247C2800000578-4959906-image-a-4_1507455550423-150x150.jpgDavide VairaniSOCIETA'#DavideVairani,#femmina,#genere,#indagine,#Inghilterra,#maschio,#statisticaQuando la statistica è infarcita di ideologia di #DavideVairani Nel nuovo censimento britannico non ci sarà la casella 'Maschio' o 'Femmina' per non urtare la sensibilità di persone transgender 'Se non abbiamo più il coraggio di registrare quanti di noi sono maschi e femmine, la Gran Bretagna ha perso il bandolo della...In direzione ostinata e contraria