Taca Banda

NO #EUTANASIA LEGALIZZATA

Mancano questi pochi giorni

al 24 settembre 2019

per impedire l'introduzione dell'eutanasia in Italia

attraverso la via giudiziaria

“L’eutanasia e il suicidio assistito sono una sconfitta per tutti.
La risposta a cui siamo chiamati è non abbandonare mai chi soffre,
non arrendersi, ma prendersi cura e amare per ridare la speranza”

Papa Francesco, 5 giugno 2019

Eutanasia: Binetti&C. e la resa dei moderati

Eutanasia: Binetti&C. e la resa dei moderati

Dalle colonne de "Sussidiario.net" , Paola Binetti aveva annunciato una "iniziativa coraggiosa: riappropriarci della nostra responsabilità di senatori per discutere nell’Aula di Palazzo Madama una mozione di contrasto all’eutanasia.

Non vogliamo lasciare alla Corte Costituzionale il compito di sostituirsi ad un Parlamento troppo timido e impaurito per prendere le sue decisioni".

Aldilà di belle parole, soltanto una mozione.

In nove mesi di tempo a disposizione, solo di questo è stata capace l'opposizione?

Una mozione che non ha alcuna speranza di essere discussa e ancora meno di essere approvata dal Senato e meno di zero di essere condivisa dal Governo prima del 24 settembre 2019.

Read More

“Fatti i cazzi tuoi e non i miei”

Il problema è che noi cattolici per primi abbiamo in qualche modo accettato le regole del gioco imposte dal campo avverso: abbiamo scelto noi di pòrci nell’agone del dibattito pubblico con lo spirito dell’Armageddon, a suon di postulati, dogmi e princìpi troppo frequentemente branditi come sciabole, come se la partita in gioco fosse la tutela di una società cristiana (che in ogni caso non esiste più) e non anzitutto l’umano.

Anzichè accettare le sfide che la modernità impone e giocare la partita sul suo terreno, abbiamo di fatto scelto la strada contraria, quella del muro contro muro, della retroguardia, nell’illusione di una possibile restaurazione dell’Ancien Régime, contribuendo a far passare il messaggio per il quale difendere la “dignità della persona” e la “sacralità della vita” siano valori soltanto cattolici.

L’etica del “fatti i cazzi tuoi e non i miei” alla Vittorio Feltri sul tema del suicidio assistito sarà rozza e priva di nobili princìpi, ma la realtà è che Feltri ha il coraggio di dire pubblicamente e senza vergogna ciò che – temo – pensa la gran parte degli italiani.

E anche di tanti cattolici, sotto sotto. In modo meno diretto, forse, ma la sostanza non cambia.

Leggi più about ““Fatti i cazzi tuoi e non i miei””

Eutanasia: la politica decide di non decidere

Di quei drammatici giorni nei quali si consumava la vita terrena di Eluana Englaro ci siamo come dimenticati tutto?

Dieci anni dopo ci siamo arresi, come rassegnati ed impotenti di fronte ai grani del lungo rosario di vite impossibili, che portano nomi e cognomi scolpiti nella mente e nel cuore di tutti, da Fabiano Antoniani, Dj Fabo, fino a Vincent Lambert?

Non verrà discusso alcun testo di legge sul suicidio assistito ed eutanasia.

La notizia è stata data al termine della conferenza dei capigruppo di Montecitorio: il presidente della Camera, il pentastellato Roberto Fico, ha preso atto della mancanza di un’intesa attorno ad un testo comune nel comitato ristretto, nel corso dei lavori delle commissioni Giustizia e Affari sociali della Camera.

Tradotto: il Parlamento rinuncia a legiferare sul tema, facendo scadere il termine del 24 settembre indicato dalla Corte costituzionale al Parlamento.

Leggi più about “Eutanasia: la politica decide di non decidere”

Tutti i post per mese:

No tags for this post.

Lascia una recensione

Please Login to comment

Rispondi

  Subscribe  
Notificami