Monthly Archive: Giugno 2017

Perchè Charlie Gard ci sta così a cuore?

Perchè Charlie Gard ci sta così a cuore?

di #DavideVairani

Oggi Charlie Gard verrà ucciso.

Nello stesso ospedale inglese dove è “in cura”.

Lo stesso ospedale che ha condotto un braccio di ferro giudiziario contro i genitori: con l’obiettivo non di curarlo, ma di staccare la spina.

Facciamo un passo indietro.» Continua

Venerdì, XII settimana del Tempo Ordinario

Venerdì, XII settimana del Tempo Ordinario

Testo del Vangelo (Mt 8,1-4):

Quando Gesù scese dal monte, molta folla lo seguì. Ed ecco, si avvicinò un lebbroso, si prostrò davanti a lui e disse: «Signore, se vuoi, puoi purificarmi». Tese la mano e lo toccò dicendo: «Lo voglio: sii purificato!». E subito la sua lebbra fu guarita.» Continua

Charlie e tutti noi

Charlie e tutti noi

La cosa più saggia del mondo è gridare prima del danno.

Gridare dopo che il danno è avvenuto non serve a nulla, specie se il danno è una ferita mortale.

Gli storici seri sanno che molte tirannidi sono state possibili perché gli uomini si sono mossi troppo tardi.» Continua

Santi Pietro e Paolo

Santi Pietro e Paolo

L’annuncio

Mt 16, 13-19
In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».
Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?».» Continua

Per Charlie Gard, lettera appello a Papa Francesco

Per Charlie, lettera appello a Papa Francesco
Charlie Gard con i suoi genitori

PER ADERIRE ALL’APPELLO SCRIVERE A:

alpapaxcharlie@gmail.com

Beatissimo Padre,
siamo tante madri e tanti padri di questo tempo luminoso e violento e ci presentiamo a Lei come figli che scrivono al loro papà. Con semplicità. Abbiamo il cuore straziato: tra pochi giorni uno dei nostri figli, Charlie Gard morirà per una sentenza dei tribunali britannici, in base alla quale si possono sospendere le cure a cui finora è stato sottoposto per mantenerlo in vita.

» Continua