Posted in #Actuality

Quella fascia da capitano dai colori arcobaleno

Ecco allora che il calcio giocato si tinge dei colori dell'arcobaleno, combinandone la stravaganza dei colori con connotazioni politiche. Accade nella Bundesliga tedesca (l'equivalente della serie A per il calcio italiano) con la squadra del Wolfsburg. Il club tedesco ha deciso che in questa stagione calcistica userà una fascia con i colori dell'arcobaleno. L'idea è quella di creare un simbolo contro l'omofobia e mandare un segnale contro il razzismo. “Il nostro club – ha spiegato l'amministratore delegato Jörg Schmadtke – lotta affinché ci sia una maggiore tolleranza. Il nostro messaggio è che a noi la diversità piace”- come riportato dalla "Gazzetta dello Sport". Dall'under 10 fino alla prima squadra, i capitani dei “Lupi” (il soprannome della squadra è "Die Wölfe", in italiano i Lupi) giocheranno quindi tutti con la stessa fascia arcobaleno. Eppure al Wolfsburg c'è chi non condivide del tutto l'iniziativa. Si tratta del 20enne croato Josip Brekalo. Ed è subito polemica. "Il talento, quotatissimo in Germania, ha perfino messo like ad alcuni commenti di tifosi che si dicevano contrari alla decisione del Wolfsburg" - si legge sempre sulla "Gazzetta dello Sport". "Se qualcuno vuole vivere la sua vita in maniera diversa non è un problema, perché sono fatti suoi e io non sono nessuno per giudicare. Detto questo però non mi va di indossare un simbolo che difenda l'impostazione di vita di altre persone. Non penso di dover indossare la fascia.

Continua...
Posted in #Actuality

“Voi, famiglie, siete la speranza della Chiesa e del mondo!”

"Lasciate che vi dica un’ultima cosa. Voi, famiglie, siete la speranza della Chiesa e del mondo! Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, ha creato l’umanità a sua immagine e somiglianza per farla partecipe del suo amore, perché fosse una famiglia di famiglie e godesse quella pace che Lui solo può dare. Con la vostra testimonianza al Vangelo, potete aiutare Dio a realizzare il suo sogno. Potete contribuire a far riavvicinare tutti i figli di Dio, perché crescano nell’unità e imparino cosa significa per il mondo intero vivere in pace come una grande famiglia".

da: Papa Francesco, IX Incontro Mondiale delle famiglie, Festa delle famiglie al Croke Park Stadium (Dublino), 25 agosto 2018

Continua...
Posted in #Actuality

“Tutto ciò che sull’albero è fiorito vive di ciò che giace sotterrato”

"Ecco quello che vorrei dirvi. Tra tutte le forme dell’umana fecondità, il matrimonio è unico. È un amore che dà origine a una nuova vita. Implica la mutua responsabilità nel trasmettere il dono divino della vita e offre un ambiente stabile nel quale la nuova vita può crescere e fiorire. Il matrimonio nella Chiesa, cioè il sacramento del matrimonio, partecipa in modo speciale al mistero dell’amore eterno di Dio. Quando un uomo e una donna cristiani si uniscono nel vincolo del matrimonio, la grazia di Dio li abilita a promettersi liberamente l’uno all’altro un amore esclusivo e duraturo. Così la loro unione diventa segno sacramentale – questo è importante: il sacramento del matrimonio – diventa segno sacramentale della nuova ed eterna alleanza tra il Signore e la sua sposa, la Chiesa. Gesù è sempre presente in mezzo a loro. Li sostiene nel corso della vita nel reciproco dono di sé, nella fedeltà e nell’unità indissolubile (cfr Gaudium et spes, 48). L’amore di Gesù per le coppie è una roccia, è un rifugio nei tempi di prova, ma soprattutto è fonte di crescita costante in un amore puro e per sempre. Fate scommesse forti, per tutta la vita. Rischiate! Perché il matrimonio è anche un rischio, ma è un rischio che vale la pena. Per tutta la vita, perché l’amore è così".

"Sappiamo che l’amore è il sogno di Dio per noi e per l’intera famiglia umana. Per favore, non dimenticatelo mai! Dio ha un sogno per noi e chiede a noi di farlo proprio. Non abbiate paura di quel sogno! Sognate in grande! Fatene tesoro e sognatelo insieme ogni giorno nuovamente. In questo modo sarete in grado di sostenervi a vicenda con speranza, con forza e col perdono nei momenti in cui il percorso si fa arduo, diventa difficile scorgere la via".

"Così il vostro amore, che è dono di Dio, affonderà radici ancora più profonde. Nessuna famiglia può crescere se dimentica le proprie radici. I bambini non crescono nell’amore se non imparano a comunicare con i loro nonni. Dunque lasciate che il vostro amore affondi radici profonde! Non dimentichiamo che 'tutto ciò che sull’albero è fiorito/vive di ciò che giace sotterrato' (F.L. Bernárdez, sonetto Si para recobrar lo recobrado)".

da: Papa Francesco, IX Incontro Mondiale delle famiglie, Visita alla Procattedrale di Santa Maria (Dublino), 25 agosto 2018

Continua...
Posted in #Actuality

Padre James Martin e World Meeting of Families

Per esprimere un giudizio leale ed onesto è necessario andare alla fonte. Per questo motivo, ho cercato online il testo della relazione tenuta da Padre James Martin al World Meeting of Families a Dublino il 23 agosto 2018.

Nelle posizioni di Padre Martin ci sono molti elementi giusti. Il problema - a mio giudizio - è che questi elementi corretti finiscono per rischiare di essere ideologici e - dunque - errati e contro-producenti.

Ha perfettamente ragione Giovanni Marcotullio nel recensire il libro di Padre Martin dalle colonne de "La Croce" quotidiano:

"Perché parla di 'gay' come se questo termine non avesse la connotazione di pride che invece ha, salvo poi supporre implicitamente che la condizione di omosessualità venga vissuta come chiede il Catechismo (ossia in ogni caso senza alcun 'orgoglio')? Perché parla di 'comunità LGBT'? Quali sono le note che la definiscono come tale? Come si struttura? Da cosa è riconoscibile? Ho degli amici di Courage che sottoscriverebbero il giudizio di Hocquenghem, in merito: lei dissente? Se sì, perché? Se no, di nuovo, perché parla di 'comunità LGBT'? Posto che esista una qualche forma di omofobia, negli ambienti ecclesiastici (Pasolini diceva che da nessuna parte ce n’era così poca come nella Chiesa, e anche Vendola l’ha ripetuto più volte, ma vabbe’…), non pensa che questa possa essere collegata alle cordate omosessualiste che il Santo Padre non ha esitato a chiamare con lo specifico nome di 'lobbies'?".

La questione è tuttavia importante e - per questo - non me la sento di entrare nel dettaglio di possibili critiche ed osservazioni negative.

Continua...
Posted in #Actuality

Che cosa attendiamo dal cielo d’Irlanda?

Che cosa attende Dublino dall'Incontro mondiale delle famiglie 2018? Che cosa attendono le migliaia di famiglie radunatesi da tutto il mondo?

La cattolica Irlanda. Mai come oggi simbolo di un cristianesimo come annichilito dalle sfide della modernità. Un paese nel quale pesano gli scandali di abusi nella Chiesa; reduce da uno tzunami referendario che ha visto il 68% degli irlandesi votare per il sì.

Ho la sensazione che da troppe parti dentro la Chiesa si fatichi a comprendere la realtà. Un esempio di quello che voglio dire. il quotidiano della Cei, "Avvenire", sta dando molto risalto a questo evento (e giustamente) sul piano comunicativo. Il punto un altro: che cosa si vuole fare passare?

"Trovare un nuovo linguaggio", sembra essere la soluzione che viene chiesta dai cattolici alla Madre Chiesa. E' di questo che il mondo ha bisogno? Lascio l'interrogativo aperto, perchè l'amore che ho per la Chiesa di Cristo mi porta a seguirla per essere con Cristo. Ma proprio per essere fedeli a Lui, credo che la risposta a questo interrogativo che la dobbiamo dare tutti insieme.

Continua...
Posted in #Actuality

“Buco frontale” al posto di “vagina”: la neolingua gender

"L'uso del termine medico 'vagina' non è un linguaggio inclusivo di genere". Per la tutela sanitaria e l'educazione sessuale "è indispensabile" sostituire "vagina" con il termine “buco frontale”. "È indispensabile che le guide sessuali sicure diventino più inclusive delle persone LGBTQIA".

A sostenerlo è il gruppo privato "Healthline Media", uno dei principali network al mondo di informazioni sanitarie. Stiamo parlando di un colosso del marketing medico-sanitario - con sede a S. Francisco, in California -, con un immenso potere di lobbiyng e di influencer. Proprio per questo motivo, tale affermazione non può essere liquidata come (l'ennesima) boutade del "love is love" pensiero.

"LGBTQIA Safe Sex Guide" è il titolo di un lungo documento pubblicato dal colosso americano su uno dei siti web di proprietà e diffuso rapidamente in rete. La tesi che viene sostenuta è semplice quanto inquietante.

Continua...
Posted in #Message

Come vuoi morire?

"Quando sarebbe arrivato il momento, non sarebbe stato meglio per il mio paziente morire improvvisamente, piuttosto che lottare dolorosamente invano per respirare, mentre l'insufficienza cardiaca riempie piano piano i suoi polmoni di liquido?"

Tema difficile da affrontare con il mio paziente - come avrebbe voluto morire -, in parte perché la sua morte non era imminente. Ma con l'avvento di tecnologie come i defibrillatori impiantabili, questo è un argomento con cui medici e pazienti dovranno sempre più cimentarsi: non l'inevitabilità della morte, ma il modo in cui morire.

Continua...
Posted in #Actuality

Germania: ok alla terza opzione di genere

La terza opzione di genere si chiamerà "Divers": questo è ciò che la Grande Coalizione ha concordato. Il disegno di legge sul terzo genere è passato mercoledì scorso, come annunciato, tra gli altri, dal Ministro della famiglia federale Franziska Giffey sulla sua pagina Facebook. In origine, il Ministero federale dell'Interno aveva indicato il termine "Anderes" come il nome per la terza opzione di genere, ma è stata respinta non solo dai gruppi di interesse, ma anche dai ministri SPD Giffey e Katarina Barely (Giustizia) come discriminatorio.

Il nuovo regolamento dà "alle persone che non sentono di avere un genere una dignità e un'identità positiva", ha dichiarato alla stampa il Ministro della Giustizia, Katarina Barley (SPD). "Nessuno dovrebbe essere discriminato a causa della sua identità sessuale".

Continua...