Oh My God!

Condividi

Oh My God!

di Davide Vairani

A distanza di 24.216 mesi, come è possibile conservare memoria viva di un avvenimento?

Solo se c'entra con la tua vita, oggi, adesso, qui, ora!

Diversamente, finisce per perdersi nel buco nero dei fatti e gesta delle ordinarie vite umane o per rimanere incastrato tra i trilioni di avvenimenti raccolti in un libro di storia.

La storia della Natività di Gesù Cristo sta scomparendo dalla memoria dei giovani britannici.

Un sondaggio, condotto dalla società di ricerca OnePoll per conto di Hotels.com, ha rilevato che solo il 16%  di 2.000 cittadini britannici di età compresa tra i 21 e i 38 anni si dichiara sicuro di conoscere i dettagli della Natività.

Più di un terzo non sa che Gesù (39%), Giuseppe e Maria (37%) o l'Angelo Gabriele (49%) hanno avuto un ruolo.

Addirittura il 6% pensa che Babbo Natale abbia realmente preso parte alla nascita di Gesù. 

Meno del 10% dei giovani è stato in grado di nominare i doni dei tre Magi, cioè oro, incenso e mirra.

Si prendano pure con le dovute cautele, eppure i dati che escono da questo sondaggio non sembrano proprio delle bufale. Vari sondaggi condotti negli ultimi anni hanno documentato il declino della fede cristiana in Gran Bretagna.

In uno studio pubblicato nel 2017 da "ComRes", si è  scoperto che solo il 6% degli adulti britannici poteva essere classificato come cristiano praticante. Tra questi, il  55% non legge mai la Bibbia. Un terzo di coloro che si definiscono comunque "cristiani" ha dichiarato di non andare mai in chiesa, mentre il 29% ha affermato di non pregare mai.

Il sondaggio ha intervistato 8.150 adulti nel Regno Unito tra il 17 marzo e il 31 marzo del 2017 ha concluso che il 53% della popolazione si dichiara non religiosa. Dato che sale vertiginosamente al 71% dei giovani  con età tra i 18 e i 24 anni.

Oh My God!

Fonti:

Condividi

Author: Davide Vairani

Sono nato il 16 maggio del 1971 a Soresina, un paesino della bassa cremonese.
Peccatore da sempre, cattolico per Grazia.
Se oggi sono cattolico lo devo ad un incontro fondamentale con don Luigi Giussani che mi ha educato a vivere.