Posted in #VincentLambert

CEDU: nessuna pietà per #Vincent

Il 30 aprile 2019 la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) respinge la richiesta dei genitori di Vincent #Lambert.

"La Corte europea dei diritti dell'uomo ha appena rigettato la richiesta di provvedimenti provvisori presentata dai genitori di Vincent Lambert - si legge sul sito del Comitato "Je soutien Vincent" -, sulla base del fatto che una decisione in merito è già stata emessa dalla medesima Corte in data 5 giugno 2015, nonostante la natura delle rimostranze oggi siano radicalmente differenti".

La questione è politica e l'unica speranza per Vincent si gioca sullo scacchiere internazionale.

Ci sarà qualche stato che avrà il coraggio di battere i pugni sui tavoli della politica europea, prima che l'eutanasia di persone disabili diventi di fatto legalizzata in Francia?

Continua...
Posted in #VincentLambert

Il destino interrotto di Vincent

"Questa decisione del Consiglio di Stato riguardo al destino di Vincent Lambert è un atto che comporta gravi conseguenze. Segnala l'inizio dell'eliminazione dei più deboli, dei più fragili, degli stessi che non sono in grado di esprimersi, di esprimere la propria volontà. Le considerazioni finanziarie degli ospedali moltiplicheranno necessariamente questo tipo di procedura".

Continua...
Posted in #Storie #vita

Mi chiamo Claudia e soffro di fibromialgia

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A che servono il progresso e la scienza se non sono fatti per l''uomo?

Claudia, 52 anni, italiana, da 26 anni soffre della sindrome fibromialgica.

Come lei ci sono almeno "due  milioni di Italiani che soffrono di questa malattia e che sono orfani della Sanità.

» Continua
Continua...
Posted in #VincentLambert

Il Consiglio di Stato ha deciso: eutanasia per Vincent Lambert

Il Consiglio di Stato francese ha deciso: eutanasia per Vincent Lambert. Inutili i giri di parole: "questo è il peggior risultato possibile per Vincent, per i suoi genitori, i fratelli e le sorelle che lo sostengono, per i suoi amici e per i 110.000 sostenitori del Comitato, ma anche per le migliaia di pazienti che vivono in Francia nelle stesse condizioni di minima coscienza relazionale di Vincent", si legge nel comunicato del Comitato "Je soutien Vincent".

Continua...
Posted in #Catholicon media politica

“Easter Worshippers”, adoratori della Pasqua

“Easter Worshippers". Letteralmente “adoratori della Pasqua”, come ci dice il Cambrige Dictionary, suggerendone l'utilizzo per indicare nella sostanza "fedeli che si recano in Chiesa per le celebrazioni pasquali", insomma "cristiani".

In realtà, a nessuno nel mondo anglosassone passarebbe per la testa di ricorrere ad un tale bizzarro ed ambiguo accostamento di termini: "Christians", molto più semplice e chiaro.

Non staremmo qui a discettare di semantica, se non fosse per il bailamme che ha scatenato sui social la scelta di utilizzare tale locuzione  da parte di Barack Obama e Hillary Clinton - in due tweet a breve distanza temporale l'uno dall'altro - per commentare l’atroce strage di matrice islamista compiuta in Sri Lanka.

“Easterworshippers”adoratori della Pasqua, suona un po’ come “adoratori” di un culto primitivo, esotico, eccentrico, minoritario, come un insieme di persone da guardare con distacco misto a curiosità.

Perchè - dunque - l'ex presidente degli Stati Uniti, Obama, e la quasi presidente USA, Illary Clinton, hanno scelto proprio questa locuzione, in una occasione oltrettutto tragica e in un contesto temporale così importante per i cristiani quale è la Pasqua?

Non lasciamoci trascinare dalle spiegazioni (apparentemente) più semplici, perchè la realtà è più complessa della nostra esigenza di rendere tutto smart.

Continua...
Posted in #Storie identità

Il grande inganno

Ha urgenza di parlare James Clifford Shupe.

Ha urgenza di esporsi pubblicamente, perchè chi abbia voglia di ascoltarlo comprenda come agisce il "grande inganno".

Il grande inganno del suo viaggio nel transgenderismo verso il non-binario e, infine, il ritorno al maschile. Con i pesanti strascichi che questo dannato viaggio gli ha appiccicato addosso.

Troverete in queste righe parole piene di dolore, ma sono le parole che James ha voluto consegnare in due articoli al “Daily Signal” dell'Heritage Foundation.

Continua...
Posted in #VincentLambert

#Vincent: tra vita e morte

Tra pochi giorni, il Consiglio di Stato francese dovrà esprimere il proprio parere, o meglio, la sua decisione circa la procedura di arresto dei trattamenti vitali di Vincent Lambert decisa dall'Ospedale di Châlons-en-Champagne e confermata dal tribunale amministrativo della stessa città.

L'udienza (la prima) si è svolta venerdì 29 marzo 2019 e i giudici amministrativi supremi si sono concessi tre settimane per esprimere il loro giudizio.

Giudizio che può spaziare dall'accettazione della cessazione delle cure (e quindi condannare a morte di Vincent Lambert) alla raccomandazione di trasferire Vincent Lambert in un istituto specializzato che abbia l'esperienza e la competenza per prendersi cura del suo stato semi-relazionale (coscienza minima), stato nel quale vivono circa 1.700 persone in Francia.

Aspettando la morte.

Continua...
Posted in #LaCroce #uteroaffitto politica

Utero in affitto, dalla CEDU un’operazione mirata

Il parere emesso dalla Corte europea dei diritti umani (Cedu) in data 10 aprile 2019 - per quanto formalmente di natura consultiva - ha il sapore di una operazione mirata a costringere gli Stati membri - nei quali giuridicamente la pratica dell'utero in affitto è vietata ed è un reato - a legittimarla.

Un'operazione squisitamente politica, che non compete affatto alla Corte di Strasburgo.

Operazione molto pericolosa, perchè capace di innescare effetti a catena in molti stati europei laddove potenti lobby e partiti politici spingono per legittimare una pratica abominevole quale l'utero in affitto.

Continua...