Posted in famiglia identità

Genitorialità non è un diritto assoluto

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Corte costituzionale della nostra Repubblica si è posta in sorprendente antagonismo rispetto alla giurisprudenza dominante in Europa.

La questione è stata sollevata dai tribunali di Pordenone e di Bolzano, in merito alla vicenda di due donne che volevano ricorrere, anche per loro particolari patologie mediche, alla fecondazione assistita. Le motivazioni saranno pubblicate più avanti.

Il supremo interesse del minore o è davvero supremo (sopra e prima di tutto) oppure non è. Tertium non datur.

Anteporre ad esso (presunte o vere) libertà discriminate di un adulto significa legare un minore ad altri interessi, desideri e frustrazioni che – per quanto esistano –  mai e poi mai devono legittimare forme subdole di schiavitù.

Difendere e tutelare in questo modo il supremo interesse del minore implica permimetrare con cura certi divieti.

E’ la stessa cosa del divieto assoluto di uccidere intenzionalmente.

La dignità di ciascuna persona non può essere incarnata da un (presunto) diritto a scegliere la propria morte.

In tal senso, il principio della indisponibilità ontologica della vita non si configura come contrario al principio liberale, né a quello sociale, ma anzi, ad essi funzionale, nella misura in cui protegge da possibili coercizioni, errori, malintesi e abusi, oltre che dalla indirect social pressure, salvaguardando così proprio la libertà, l’uguaglianza e la solidarietà.

Sotto questo profilo si tratta di una tesi condivisibile anche in una prospettiva moderatamente neutralista e persino utilitarista, in quanto una norma che impedisce la disponibilità della vita umana non risulta un’irragionevole restrizione della libertà.


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua...
Posted in Un caffè in #compagnia

Un caffè in #compagnia

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mercoledì 19 Giugno 2019

San Romualdo; Santi Gervasio e Protasio, martiri; santa Giuliana Falconieri, vergine.
11.a Tempo Ordinario
2Cor 9,6-11; Sal 111; Mt 6,1-6.16-18


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua...
Posted in Un caffè in #compagnia

Un caffè in #compagnia

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Martedì 18 Giugno 2019

S. Gregorio Barbarigo; S. Calogero; S. Leonzio
11.a Tempo Ordinario
2Cor 8,1-9; Sal 145; Mt 5,43-48


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua...
Posted in #Catholicon #LaCroce

Liberarsi dal “veleno del cristianismo”

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Anche in Italia sono tornate di moda, dopo la non breve parentesi dell’ateismo devoto, le tesi del “cristianismo”, l’ideologia diffusa in quei circoli politico-intellettuali che pretendono di difendere i “valori cristiani” e la “civiltà cristiana” senza però credere nella divinità di Gesù Cristo.

Meglio difendere i valori cristiani che combatterli! È la risposta stereotipata dei cattolici sedotti dal cristianismo.

Non discuto la loro buona fede. Ma non posso non ricordare loro che una forma di negazione pratica di Dio può ben coesistere con le glorificazioni esteriori e l’esaltazione degli elementi decorativi del sacro. Maritain parla di una forma di ateismo che riconosce l’esistenza di Dio ma che lo trasforma in un idolo. Si accetta la forma, si svuota la sostanza. Dio così diventa l’ornamento della nazione, l’espressione della cultura di un popolo da usare contro altri popoli.

Il cristianismo non è che un regresso alla teologia politica degli imperi pagani come quello di Roma. 


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua...
Posted in #LaCroce

“Si apre un’estate di riflessione anche per noi de #LaCroce”

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Con questo numero del 15 giugno 2019, #LaCroce quotidiano si concede un periodo di riposo per procedere a un opportuno ripensamento della propria formula, tale da rilanciare la mission editoriale e andare incontro, dall’inizio del prossimo anno sociale, a un pubblico auspicabilmente sempre maggiore.

L’organizzazione del Popolo della Famiglia si farà, parallelamente, tramite il radicamento territoriale.


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua...
Posted in Un caffè in #compagnia

Un caffè in #compagnia

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lunedì 17 Giugno 2019

S. Raniero; S. Nicandro e Marciano; B. Paolo Buralo

11.a Tempo Ordinario

2Cor 6,1-10; Sal 97; Mt 5,38-42


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua...
Posted in #PadreMaccalli cristianofobia

270 giorni senza Padre#Maccalli

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Cerchiamo la risposta leggendo i segni che abbiamo davanti: la sua foto è collocata, a Genova, nella cappella della comunità, sull’altare africano e lo ritrae mentre alza il calice, in una Eucaristia concelebrata a questo altare una dozzina di anni fa con suo fratello, padre Walter. Immagine fissata proprio in mezzo al gruppo scolpito dell’Ultima Cena”.

Lo racconta all’Agenzia Fides padre Lorenzo Rapetti, archivista provinciale della società per le Missioni Africane (SMA), confratello di padre Gigi Maccalli rapito in Niger il 18 settembre 2018.

270 giorni senza Padre Gigi #Maccalli.

“Il 18 giugno saranno nove mesi dal quel tragico giorno. Padre Gigi è sempre nei miei pensieri come in quelli di tante persone che gli sono vicine, che lo conoscono, apprezzano la sua scelta missionaria, il suo desiderio di stare e aiutare i più poveri, quelli del Niger, tra i paesi più poveri del mondo”.


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua...
Posted in #Storie #vita

Franco #Zeffirelli: un uomo grande

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E’ morto all’età di 96 anni il grande regista italiano Franco Zeffirelli.

Scenografo e sceneggiatore, attore, regista, di film, prosa e lirica, Zeffirelli ha rappresentato un pezzo di storia del mondo dello spettacolo e della cultura per il nostro Paese e in ambito internazionale.

Un genio, senza dubbio. Un uomo grande, soprattutto, con un senso religioso che lo ha portato nella fede dei semplici, autenticamente commossa dal provare sulla propria pelle quella carezza del Nazareno.

Cosa altro sono il suo Gesù e il suo San Francesco, se non la più alta espressione di questo?

Nello scorrere su internet, mi sono imbattuto in un suo scritto del 2002 che mi ha commosso profondamente e che – forse – pennella ottimamente chi è il maestro Zeffirelli.


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua...