Posted in #Message mio

27 marzo 1993

Ventisei anni fa’ un pugno di italiani espugnò il mitico Wembley.

Era il 27 marzo 1993.

Quel giorno scoprii che fuori c’era il mondo reale, con tutte le sue contraddizioni, bellezze e nefandezze, ma il mondo era lì fuori ed era molto di più di quello che avevo immaginato fino a prima.

Continua...
Posted in #aborto #Message

Sul tema della sepoltura dei feti

In Italia, i “prodotti abortivi” vengono smaltiti come rifiuti speciali ospedalieri e avviati alla termodistruzione: niente sepoltura.

Unica eccezione – fino a ieri – la Lombardia, nella quale tutti i prodotti del concepimento (anche quelli di età inferiore alle 20 settimane) venivano avviati all’interramento, indipendentemente dalla settimana di gestazione o dal fatto che la madre lo richiedesse o meno. Normativa abbattuta in Consiglio Regionale da una proposta di legge di riordino in materia funeraria, fortemente voluta dal consigliere Simona Tironi (Forza Italia). In Regione Lazio, il consigliere Colosimo di Fratelli d’Italia presenta una proposta di legge per introdurre esattamente ciò che in Lombardia hanno deciso di abolire.

Continua...
Posted in #Message mio

“Ogni giorno che passa è un quadro che appendo”

“Addio allo ‘stonato’ di Sanremo”. E’ il 15 maggio del 1994 e il “Corsera” titola una notizia nelle brevi. 

“I funerali si terranno oggi alle 14.45 a Milano, partendo dall’abitazione di via Montepulciano”, chiude il pezzo Mario Luzzato Fegiz.

Non aveva nemmeno trent’anni. Era stato ricoverato negli ultimi due mesi in una clinica di Pavia, perché affetto da Aids.

“È la prima volta nella storia della canzone italiana che un cantante muore di Aids”.

Ma la notizia – quella vera – non è questa …

Continua...
Posted in #Message

Dammi ancora la mano

Vola, Camilla, mia piccola e dolce Camilla. Vola “dove io vorrei volare verso un mondo dove è ancora tutto da fare e dove è ancora tutto, o quasi tutto, da sbagliare …”

“Ma come vorrei avere i tuoi occhi, spalancati sul mondo come carte assorbenti
e le tue risate pulite e piene, quasi senza rimorsi o pentimenti,
ma come vorrei avere da guardare ancora tutto come i libri da sfogliare
e avere ancora tutto, o quasi tutto, da provare…

dammi ancora la mano, anche se quello stringerla è solo un pretesto
per sentire quella tua fiducia totale che nessuno mi ha dato o mi ha mai chiesto;
vola, vola tu, dove io vorrei volare verso un mondo dove è ancora tutto da fare
e dove è ancora tutto, o quasi tutto…
vola, vola tu, dove io vorrei volare verso un mondo dove è ancora tutto da fare
e dove è ancora tutto, o quasi tutto, da sbagliare …”

Francesco Guccini, “Signora Bovary”, 1987

Continua...
Posted in #Message

Come vuoi morire?

“Quando sarebbe arrivato il momento, non sarebbe stato meglio per il mio paziente morire improvvisamente, piuttosto che lottare dolorosamente invano per respirare, mentre l’insufficienza cardiaca riempie piano piano i suoi polmoni di liquido?”

Tema difficile da affrontare con il mio paziente – come avrebbe voluto morire -, in parte perché la sua morte non era imminente. Ma con l’avvento di tecnologie come i defibrillatori impiantabili, questo è un argomento con cui medici e pazienti dovranno sempre più cimentarsi: non l’inevitabilità della morte, ma il modo in cui morire.

Continua...