Vergogna francese

La tempistica della presentazione di questo ricorso lascia evidentemente un’ombra di vergogna sull’esecutivo transalpino, che ha lasciato passare le elezioni europee prima di risolversi a quest’atto.

Evidentemente si è valutata come estremamente impopolare l’esecuzione di Vincent prima che si aprissero le urne, mentre ora a risultati acquisiti (che comunque hanno punito duramente il governo del partito di Macron) si torna a perseguire con ostinazione e arroganza il progetto di morte per creare un precedente giuridico applicabile poi a migliaia di altri casi. .

Continua...

CHU di Reims: denunciati

Il 20 maggio scorso, gli avvocati dei genitori di Lambert hanno citato formalmente davanti al tribunale penale sia il Direttore dell'Ospedale universitario di Reims che il medico di Vincent, il Dr. Vincent Sanchez.

Continua...

#Lambert: via da questo ospedale

Secondo Paillot, uno degli avvocati dei genitori di Vincent, il medico di Lambert "voleva scavalcare" le misure provvisorie "ordinate dal Comitato delle Nazioni Unite".

Jean Paillot evidenzia lo "sconcertante sconforto" opposto alla Corte d'Appello.

"State chiedendo il trasferimento di Vincent Lambert in un altro ospedale?", chiede il giornalista.

"Questo è ciò sul quale ci stiamo preparando.

Il Dottor Sanchez non può più prendersi cura di Vincent Lambert. Ha iniziato a mettere fine alla vita di Vincent Lambert senza autorizzazione legale.

Gli è stato detto per tutto il tempo che la sua decisione non corrispondeva ai termini di legge, in base alle misure provvisorie ordinate dal Comitato delle Nazioni Unite.

Continua...

“Nutrire non è mai ostinazione terapeutica”

L’alimentazione e l’idratazione costituiscono una forma di cura essenziale sempre proporzionata al mantenimento in vita: alimentare un ammalato non costituisce mai una forma di irragionevole ostinazione terapeutica, finché l’organismo della persona è in grado di assorbire nutrizione e idratazione, a meno che non provochi sofferenze intollerabili o risulti dannosa per il paziente.

La sospensione di tali cure rappresenta, piuttosto, una forma di abbandono del malato, fondata su un giudizio impietoso sulla sua qualità della vita, espressione di una cultura dello scarto che seleziona le persone più fragili e indifese, senza riconoscerne l’unicità e l’immenso valore. La continuità dell’assistenza è un dovere ineludibile"

Continua...

CHU di Reims ripristina i trattamenti

Gli avvocati e i genitori di Vincent Lambert si sono subito recati all'Ospedale di Reims martedì 21 maggio 2019 per controllare che il Dr. Sanchez abbia eseguito la decisione presa dalla Corte d'Appello di Parigi di garantire i trattamenti per Vincent.

Continua...