Tagged: #aborto

0

Arriverà il momento per riaprire un nuovo dibattito sull’aborto?

Condividi

All’interno del cimitero del Laurentino c’è il “Giardino degli angeli” – voluto dal Comune di Roma e inaugurato nel 2012 -, unʼarea dedicata ai bambini non nati per un aborto volontario oppure naturale.

Papa Francesco ha voluto andarci, dopo avere celebrato al Laurentino la Santa Messa per la commemorazione dei defunti. Bergoglio è il primo Papa in visita al Cimitero Laurentino.

Il Pontefice passeggia per alcuni minuti tra le piccole tombe dei “piccoli angeli”, in silenzioso raccoglimento, deponendo anche un diversi mazzi di fiori sulle lapidi.

Poi, il saluto ad alcune famiglie in un momento di forte commozione.

E’ lo stesso Pontefice che poco più di venti giorni prima aveva detto: “Io vi domando: è giusto fare fuori una vita umana per risolvere un problema?”.

E ancora, le parole più dure: “È come affittare un sicario”.

“Tutto il male operato nel mondo si riassume in questo: il disprezzo per la vita. La vita è aggredita dalle guerre, dalle organizzazioni che sfruttano l’uomo, leggiamo sui giornali o vediamo sui telegiornali tante cose, dalle speculazioni sul creato e dalla cultura dello scarto, e da tutti i sistemi che sottomettono l’esistenza umana a calcoli di opportunità, mentre un numero scandaloso di persone vive in uno stato indegno dell’uomo. Questo è disprezzare la vita, è uccidere”.

In quella occasione, Papa Francesco si è soffermato a lungo sull’aborto, parlando del comandamento “Non uccidere”.

Ha parlato in particolare dell’aborto terapeutico, e ha affermato: “Ogni bambino malato è un dono”. “La violenza e il rifiuto della vita – ha osservato – nascono in fondo dalla paura. L’accoglienza dell’altro, infatti, è una sfida all’individualismo”.

“Pensiamo – ha continuato il Papa – a quando si scopre che una vita nascente è portatrice di disabilità, anche grave.  

I genitori, in questi casi drammatici, hanno bisogno di vera vicinanza, di vera solidarietà, per affrontare la realtà superando le comprensibili paure. Invece spesso ricevono frettolosi consigli di interrompere la gravidanza”.

“Un bimbo malato – ha insistito Bergoglio – è come ogni bisognoso della terra, come un anziano che necessita di assistenza, come tanti poveri che stentano a tirare avanti: colui, colei che si presenta come un problema, in realtà è un dono di Dio che può tirarmi fuori dall’egocentrismo e farmi crescere nell’amore”.

“La vita vulnerabile – ha poi concluso – ci indica la via di uscita, la via per salvarci da un’esistenza ripiegata su sè stessa e scoprire la gioia dell’amore”.

Toni e contenuti che aveva usato nel giugno scorso incontrando il Forum delle Famiglie:

“Il secolo scorso – disse – tutto il mondo era scandalizzato per quello che facevano i nazisti per curare la purezza della razza. Oggi facciamo lo stesso ma con i guanti bianchi: è di moda, abituale, quando in gravidanza si vede che forse il bambino non sta bene o viene con qualche cosa: la prima offerta è `lo mandiamo via?´ L’omicidio dei bambini. Per risolvere una vita tranquilla si fa fuori un innocente”.

In Italia ci sono circa 21 cimiteri di questo tipo, ad ogni nuova apertura si solleva la polemica, perché i bambini non nati non sono solo quelli morti nel grembo spontaneamente, ma anche quelli abortiti volontariamente.

Non hanno un nome, né un volto, ultimi fra gli ultimi, dimenticati nell’abisso della storia.

Chi rivendica il diritto all’aborto vede in questi cimiteri una mancanza di rispetto nei confronti delle donne che hanno dovuto o voluto abortire, ma come la mettiamo per quel bambino che, di fatto, ha pagato il prezzo più alto? Se gli è stato tolto il diritto di nascere ha almeno il diritto di essere sepolto e di ricevere un ricordo in questo giorno di silenzio?

Mi ricordo quando, il 7 maggio 2010, ci fu il primo corteo funebre di un “piccolo angelo” nella mia Cremona. I viali del cimitero finirono sotto i riflettori e furono sommersi dalle polemiche.

Dal maggio 2010 è stata piantata una lapide per ogni mese con la stessa scritta: “O Maria, di tutti i viventi, noi ci affidiamo a te”.

Segno che il bisogno di avere un luogo fisico dove venire esiste.

Dietro l’aborto esiste sempre un dramma nascosto, dramma che non solo va sempre rispettato, ma soprattutto accolto. Così come vanno accolti i “bimbi non nati”.

Non si può fronteggiare e convivere con il dolore, se non affrontando la realtà, senza pre-giudizi o ideologia.

Condividi
0

Sgreccia: “Necessaria una campagna internazionale per l’abolizione dell’#aborto”

Condividi

Cardinale Elio Sgreccia, Presidente Emerito della Pontificia Accademia per la Vita.

“Condivido pienamente quanto ha detto. Non possiamo mai dimenticare che la soppressione di un embrione è già un omicidio. La vita umana, infatti, comincia dal momento della fecondazione. Da quell’ istante si assume la dignità di essere umano e dunque persona e allora che si venga fatti fuori da embrione, a dieci anni, o cinquanta non cambia niente, è sempre un oltraggio alla vita e alla sua sacralità, un omicidio”.

Il Papa ha invocato il no alla scelta abortiva anche nel caso di bambini malformati o con gravi disabilità accertate…

“La malformazione non deve incidere sul rispetto alla vita. Anzi, in questi casi, che pur sono dolorosi, la vita ha bisogno di maggior sostegno e misericordia. Chi invece frettolosamente incoraggia ad abortire non rende un buon servizio. La donna e la famiglia, invece, dovrebbero essere sorrette in questi momenti e sostenute a non compiere tali scelte. In caso contrario, ricadiamo nella strage degli innocenti o quella infausta di regimi del passato”.

Sottoscrive dunque, le parole del Papa?

“Le condivido pienamente e le approvo. In un certo senso, la vera notizia è che queste affermazioni, scontate e chiare in ottica cattolica, siano diventate la notizia del giorno su alcuni media”.

Condividi

Verona: mozione “contro l’aborto”?

Condividi

Titoloni ad effetto: il Consiglio comunale di Verona approva a maggioranza, 21 voti, la mozione “contro l’aborto”, cioè contro la legge 194/1978.

Ed è subito bufera. Il “caso” Verona diventa un “caso nazionale”.

Guai anche solo a nominare il totem dell’autodeterminazione della donna, la legge del “corpo è mio e me lo gestisco come voglio”. E poi doppia tragedia: tra quei 21 che hanno approvato la mozione di Alberto Zelger, della Lega Nord, c’è anche quello di Carla Padovani, capogruppo del Pd.

La mozione 434 impegna – davvero –  il Comune di Verona “contro l’aborto”? Falso.

Condividi

#RiseUpForRoe

Condividi

In uno di questi eventi, Chelsea Clinton ha tenuto un interessante discorso. “Che tu sia fondamentalmente interessato ai diritti riproduttivi e ai diritti di accesso, perché non sono la stessa cosa, se ti interessi della giustizia sociale o della giustizia economica, devi preoccupartene”, ha detto Clinton, secondo CNS News. Ha poi aggiunto: “Non è un caso che le donne americane entrate nella forza lavoro dal 1973 al 2009 abbiano aggiunto 3,5 trilioni di dollari all’economia degli Stati Uniti, giusto? Non è un caso che tutto questo sia collegato al fatto che la legge che ha legalizzato l’aborto sia stata approvata nel gennaio del 1973”. Ha aggiunto: “Certo, spero che si preoccupino dei nostri diritti di donna nel fare le loro scelte ma, se questo non fosse sufficientemente persuasivo, mi auguro che alcuni di questi argomenti che ho espresso questa sera lo siano”.

Il Clinton-pensiero sui (presunti) benefici economici derivanti dalla legalizzazione dell’aborto è inquietante. Si può pensarla come si vuole, ma il fatto di sostenere l’aborto quale generatore indiretto di denaro per l’economia non è distante dall’aprovare l’eutanasia quale generatore di risparmio economico per la società. Non è altro che la riduzione dell’uomo a merce e prodotto. Portando questa logica alle sue estreme conseguenze, chi portà pensare di essere al sicuro?

Condividi