image_pdfimage_print
Posted in #Actuality #VincentLambert

Vincent #Lambert: 10 anni senza fine

29 settembre 2008: l’auto del 32 enne, Vincent Lambert, sposato e padre di famiglia, si schianta contro un albero. Questo incidente, avvenuto su una piccola strada nei pressi di Châlons-en-Champagne, ha lasciato cerebroleso e tetraplegico il giovane infermiere francese.

Cinque anni dopo, l’inizio della battaglia legale intorno alla sua vita lo spinge sul fronte della scena mediatica: la sua situazione diventa un “caso”.

“Da dieci anni, l’ospedale è il purgatorio di Vincent Lambert, intrappolato in questo ‘corpo sofferente’, secondo il suo medico dell’ospedale, il dott. Vincent Sanchez. Al termine di una nuova procedura collegiale (la quarta in cinque anni) il 9 aprile 2018 il dott. Sanchez aveva deciso la cessazione delle cure, come previsto dalla legge Claeys-Leonetti, giudicando una “ostinazione irragionevole” proseguirle. Tuttavia, una nuova valutazione clinica è stata richiesta dal Tribunale amministrativo di Châlons-en-Champagne, sequestrato dai genitori. Gli esperti di valzer (nomina, ritiro, riconferma) hanno rinviato la presentazione del rapporto, prevista per fine ottobre 2018″.

Non mi interessa essere etichettato. Mi interessa Vincent. Mi interessano i 1.500 Vincent che come lui si ritrovano in stato di semi-coscienza in vari reparti ospedalieri della Francia.

Persone in attesa di un verdetto. Persone che non possono decidere nulla. Persone gravemente disabili. Persone.

Continua...
Posted in #Actuality

Londra: per staccare la spina basterà l’ok di medici e famiglia

Staccare la spina ai pazienti che versano in stato vegetativo nel Regno Unito diventa sempre più pericolosamente facile. La Corte suprema britannica è intervenuta questo lunedì con una sentenza storica, in base alla quale non sarà più necessaria la richiesta di autorizzazione legale per interrompere l’alimentazione artificiale dei malati in stato vegetativo e basterà quindi un accordo tra i medici e i familiari.

Continua...