Posted in #Gender&company

#Paternità nel pensiero liquido, anzi gassoso e molecolare

#Paternità nel pensiero liquido, anzi gassoso e molecolare

di Davide Vairani

Quarta serata del Festival di Sanremo 2019.

Sul palco dell’Ariston, è il momento del monologo di Claudio Bisio: tema la famiglia e, nello specifico, della paternità.

"Secondo me il bello del festival è che unisce le generazioni. Io ricordo da bambino lo guardavo con papà e adesso l’avrei visto con mio figlio se non fossi stato qui. Tra l’altro mio figlio, che ha vent’anni, ieri mi ha mandato un video a casa sul divano che con l’accendino in mano cantava 'Notte prima degli esami' guardando la tv.

Alcuni dicono che questi ragazzi sono pigri, indolenti, fannulloni i ventenni, i millennials. Io non credo, io gli do fiducia a questi ragazzi. Per esempio, mio figlio si è svegliato nel momento stesso in cui si è svegliata tutta la città. Quando la gente va a lavorare, i bambini vanno a scuola e tutti sembrano partecipi dello stesso ritmo, membri della stessa comunità".

"Peccato che la città sia Sydney, a nove ore di fuso orario. Qui da noi sono le sette di sera, rabbuia e lui dorme ancora, ma almeno so che è passato da casa. Le tracce della sua presenza sono inconfondibili. In bagno, valanghe di asciugamani zuppi mi rendo conto che appendere un’asciugamani è un’attività che deve risultargli incomprensibile, come chiudere un cassetto e un’anta di un armadio dopo avergli aperti come raccogliere da terra quelle felpe. Felpe farcite da una maglietta che lui sfila in un solo colpo insieme a qualunque indumento sovrastante c’è la parte superiore del suo vestiario è un multi strato che si compone vestendosi ma che non si scompone svestendosi. Calzini sporchi, ovunque. A migliaia, a milioni. Appallottolati. E in virtù del peso modesto e dell’ingombro limitato, non tutti per terra. Alcuni su mensole, sull’armadio, sul lampadario come palloncini che un gas misterioso e sicuramente fetido ha fatto vibrare in ogni angolo della casa. Portacenere che traboccano di cicche allestite di canne, spero non solo sue.

Ecco in questo quadro bisunto e tendente all’oscuro quasi rabbiosa è l’aureola candida che sta sotto la macchinetta del caffè. Come descriverla, è un alone di zucchero dai contorni sfumati con al centro un piccolo cerchio intonso. Non riesce a centrare la circonferenza della tazzina e dunque mi sparge il suo zucchero (che tra l’altro è sale). Il suo computer scarica musica sempre".

"Forse è colpa mia, è colpa di noi genitori del fatto che i figli siano così. Smandrappati. Dicono gli psicologi, gli esperti che avreste bisogno di un padre con la P maiuscola. Un vero padre. Che avreste avuto bisogno del suo ordine ben strutturato, ben codificato così da poterlo fare tuo. Oppure combatterlo. E combattendolo diventando di nuovo.

Non c’è argomento che mi metta più in difficoltà del padre. Io non ho che alcune attitudini, per esempio quella non trascurabile del mantenerli con il mio lavoro e la mia fatica, ma so che è sconveniente farlo pesare, anche se è altrettanto sconveniente - lo dico a carico tuo - è dimenticarlo.

Ma riconosco che di tutte le altre tradizionali attitudini del padre, stabilire regole, punire, rimproverare disciplinare, io non sono un grande interprete.

Le poche volte che cerco di riportare l’ordine, sottolineare regole, sento di avere un tono maldestro dell’improvvisatore senza talento.

Parlo e dubito di almeno la metà delle parole che dico.

Ho provato a seminare la casa di una parodia di comandamenti appiccicando post-it alle porte.

Parodie. Ecco, il sogno mio era che dopo aver letto, avresti capito da solo cosa avresti dovuto fare. Ma in fondo ti chiedo poco, molto poco. Forse troppo poco. Vuol dire che richieste cosi mediocri non possono scalfire il tuo spirito".

Sanremo 2019 – Claudio Bisio e “Il mestiere del padre”

Al termine del monologo, Bisio si siede sugli scalini e fa il suo ingresso il cantante Anastasio. A sorpresa.

Il vincitore di X Factor 2018 sale sul palco dell’Ariston.

Attacca il suo rap con un inedito dal titolo "Correre".

“Correre, tu devi correre non devi domandare ne rispondere ti devi alimentare con compere
Scattare commentare scorrere
In quarta elementare mi hanno detto di sognare perché il mondo stava pronto per risorgere
E sarebbe stato mio dovevo solo correre,
e gli altri si mangiassero la polvere
Correre correre circolare qui non si può stare già da troppi anni
vorrei parlare con il titolare voglio spiegazioni voglio lamentarmi
Voglio i miei vent’anni voglio delle scuse ed il rimborso danni.
Poi la voglio smettere,
l’ufficio reclami di Cristo è intasato di lettere
Prova a riflettere che vuoi che dica
se vedo soltanto sorrisi incollati su facce depresse e promesse firmate a matita
Bella vita, la prendo per come mi arriva
che tanto domani è finita
Sto zitto, ho scritto una lettera bianca ma non l’ho spedita
oh no, non la spedirò mai
In questo parla parla per salire a galla quanto lotterai
oh no, no povera verità
nel calderone dell’opinione lei morirà
Vecchi come state? Vi state godendo la festa
Io non so mica mi manca il respiro e a tratti gira la testa

Mi hanno educato per vivere in bilico
Hai mai sentito del pensiero liquido?

Io te lo amplifico voglio innovare, oso pensare a un pensiero, pensiero gassoso molecolare
E tra le molecole zero legame basta guardare il tessuto sociale
Ora capisci perché stiamo fissi a giocare agli artisti e a fotografare
Ci vogliamo affermare, ma sbattiamo nel muro

Siamo chiunque e non siamo nessuno
io sono sicuro soltanto del fatto che sono insicuro
Passo giornate a aggiornare una pagina solo a vedere chi mi ama e chi no
Bruciano gli occhi lo schermo mi lacera guardo la vita attraverso un oblò
Tuo figlio idolatra un idiota che
parla di droga e di vita di strada
Scalata sociale di gente normale che pare alla nostra portata
La storia è cambiata compagni miei
tutto è concesso da adesso in poi
Puoi essere quello che vuoi basta scordarti di quello che sei
Per essere quello che vuoi devi scordarti di ciò che sei“

Anastacio – “Correre”

Docente scrive una nota disciplinare sul registro elettronico in cui definisce il comportamento di una sua alunna “estremamente maleducato”.

I genitori, al posto di interrogarsi sulle motivazioni del comportamento della figlia e magari (forse è chiedere troppo) punirla, decidono di far interrogare la docente e per farlo fare per bene, la denunciano.

Soltanto dopo 13 mesi di indagini il Giudice ha archiviato la denuncia in quanto non solo ritiene infondata la notizia di reato, ma ritiene che la condotta del docente costituisca “estrinsecazione dei doveri di insegnante/educatrice”.

06 aprile 2018. Torino. Professore punisce studente e i genitori lo picchiano. Ennesimo caso di violenza contro i docenti che puniscono gli alunni. Il professore finisce all'ospedale per aver punito un alunno che era entrato in ritardo.

06 aprile 2018. Palermo.

Unʼalunna di terza media ha riferito di essere stata aggredita dal docente: il padre ha reagito colpendo lʼinsegnante in volto. Secondo gli agenti, invece, la ragazza sarebbe stata solo ripresa in classe.

Un professore di 50 anni ipovedente è stato picchiato e ferito gravemente dal padre di una studentessa nell'istituto comprensivo Abba Alighieri a Palermo. Secondo una prima ricostruzione un'alunna di terza media all'uscita della scuola ha raccontato che il docente - un professione ipovedente di 50 anni - l'avrebbe picchiata.

Il padre ha colpito con un pugno al volto il professore che è stato trasportato in ospedale, dove gli è stata riscontrata un'emorragia cerebrale.

Solo dopo l'intervento di altri insegnanti e genitori la situazione sarebbe tornata sotto controllo e l'aggressore si sarebbe scusato per il proprio comportamento.

Anche perché la figlia, frattanto, avrebbe rettificato il suo racconto ammettendo di non essere stata picchiata dall'insegnante ma solo allontanata dall'aula.

14 giugno 2018. Roma.

«In realtà voleva colpire me — racconta ancora il dirigente scolastico —, lui e la moglie avevano perso il controllo, hanno insultato prima la coordinatrice della classe del figlio, poi anche me. Ma il professor Gelvi si è messo in mezzo per difendermi e si è beccato il pugno».

A rendere nota la vicenda, l’ennesima aggressione a un insegnante di scuola superiore, è stata la madre del 23enne, Monika Wilmer, anche lei prof, che su Facebook ha scritto:

«Al docente portato in ospedale in ambulanza veniva riscontrato trauma cranico rachide cervicale e segni di tentato soffocamento.

Ora è sotto osservazione.

Il docente in questione ha soli 23 anni, è al suo primo anno di insegnamento ed è mio figlio.

Questa è l’Italia? — ha aggiunto — Chi tutelerà i docenti che sono i formatori della società di domani?».

Un post che in poche ore ha ricevuto quasi 2.400 condivisioni.

E ieri il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti ha sottolineato come «le aggressioni ai docenti sono atti da condannare sempre duramente».

07 dicembre 2018. Gela.

La vendetta a causa di una nota disciplinare emessa dal docente. Un 37enne è evaso dagli arresti domiciliari per picchiare un professore di suo figlio "colpevole" di averlo rimproverato in classe perché disturbava. L'insegnante è stato colpito alle spalle con un pugno. L'aggressore è poi stato identificato e condotto in carcere.

Lo studente aveva contestato il professore perché gli aveva messo una nota sul registro per il suo comportamento, pretendendone l'annullamento.

L'insegnante, dopo aver rimproverato e ricondotto al proprio posto lo studente, aveva ripreso regolarmente le lezioni. Dopo qualche ora nell'istituto si è presentato il nonno dello studente che chiedeva di parlare con il professore. Mentre l'insegnante dava spiegazioni è stato colpito alle spalle con un pugno all'occhio destro dal padre del ragazzo.

L'uomo è stato infine arrestato dalla polizia del locale commissariato per evasione dagli arresti domiciliari e condotto nel carcere di Gela.

"Docente mette una nota sul registro elettronico e viene denunciata per diffamazione aggravata"

"Professore aggredito e picchiato da un genitore e gli provoca emorragia cerebrale"

"Gela, evade dai domiciliari e picchia professore del figlio: fermato"

"Torino, professore punisce studente e i genitori lo picchiano"

"'Suo figlio è bocciato': il padre picchia e cerca di strozzare un giovane professore a Roma"

Posted in #Actuality

Gli #errori gravi del ddl Pillon

Gli #errori gravi del ddl Pillon

di Paolo Buonaiuto

#LaCroce quotidiano, 16 ottobre 2018

La proposta del senatore leghista raccoglie una repulsione trasversale a tutto l’arco costituzionale: è stata fortemente sottolineata la totale inapplicabilità della mediazione nei casi di alta conflittualità tra le parti e nei casi di violenza domestica. Aumentano le figure con cui i due coniugi in fase di separazione debbono confrontarsi e di tutto paga le spese il minore, che si vorrebbe tutelare.

Il ddl Pillon (atto Senato n. 735) sulle “Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità” è oggetto di un affollatissimo dibattito e di molte, moltissime condivisibili critiche.

Tuttavia nessuna di esse, se non erro, ha colto e perciò censurato un aspetto significativo, eppure passato sotto silenzio: la fine della responsabilità coniugale.

Genitori sì, coniugi meno. Ci tornerò a breve, premettendo, per i non addetti ai lavori, una spiegazione sintetica del progetto di riforma ed evidenziando le principali criticità individuate.

I principali punti della preventivata riforma

Secondo i proponenti la nuova previsione riassegnerebbe centralità a famiglia e genitori, restituendo a questi ultimi (soprattutto ai papà) il diritto di decidere sul futuro dei loro figli, lasciando al giudice una funzione meramente residuale e solo in caso di conflitto irrimediabile ed ove lo esiga l’interesse del minore.

Tutto ciò in accordo con la Risoluzione n. 2079 del 2015, del Consiglio d’Europa, la quale esorta verso l’effettiva uguaglianza dei diritti tra padre e madre nei confronti dei propri figli.

Per chi non avesse avuto ancora modo di leggere il progetto di riforma in una materia così delicata come i conflitti coniugali e le procedure di separazione e divorzio, diciamo che i punti essenziali del progetto di riforma sono essenzialmente quattro.

Il primo riguarda la prevenzione e la soluzione dei conflitti genitoriali con metodi alternativi alla disputa giudiziaria. Meglio non far lavorare troppo i Giudici ed intasare la giustizia, perciò si introducano una serie, varia e variegata, di figure professionali che devono collaborare con i genitori per trovare una soluzione ai loro conflitti e per meglio esercitare la responsabilità genitoriale.

Pertanto ecco la novità della mediazione preventiva obbligatoria presso figure ed organismi riconosciuti, che si affianca (o sostituisce?) alla figura degli avvocati e si pone come previo soggetto interlocutore.

Fallito tale esperimento, vi sarebbe ancora la fase di conciliazione da parte del Presidente del Tribunale, che eventualmente, come spesso avviene, si avvale del sostegno del Servizio Sociale, che indaga prima dell’udienza sulle condizioni ambientali della coppia, sino a svolgere una vera e propria mediazione processuale (mettere d’accordo su casa ed assegni).

Tuttavia, non è escluso che il Presidente (o il Giudice Istruttore) possano predisporre un nuovo percorso di mediazione (genitoriale e/o di coppia). Infine vi è l’introduzione della nuova figura del Coordinatore Genitoriale che assiste i genitori nella fase post-separativa.

Il fine sarebbe di sostenere i genitori sostenendoli ed aiutandoli a trovare le capacità di dialogo e comunicazione.

Caspita, ma se io e mia moglie vogliamo litigare, quante persone debbono interessarsi a noi? Speriamo almeno che vadano d’accordo tra di loro.

Il secondo aspetto riguarda le modalità di garantire la bigenitorialità evidenziandola secondo criteri meramente quantitativi.

Gli strumenti introdotti per favorire tale condizione di “co-parenting” sono quelli di far assurgere a regola il principio del mantenimento diretto (ognuno si mantiene il figlio secondo le sue esigenze ed i tempi di permanenza) sino all’eliminazione del contributo perequativo al mantenimento.

Ciò è favorito dall’adozione di tempi genitoriali tendenzialmente paritetici (non meno di 12 ore settimanali) con la previsione di una doppia casa familiare con un doppio domicilio per i figli.

Ovviamente per far questo (e siamo al terzo punto) è necessario che i genitori, da soli o caodiuvati dalle mille figure di cui sopra, siano in grado di elaborare un piano genitoriale, sul quale si confronteranno per identificare le concrete esigenze dei figli minori e fornire il loro contributo pedagogico e progettuale che presti attenzione a tempi e attività della prole, oltre i relativi capitoli di spesa.

Per favorire infine un impianto del genere, e siamo al quarto punto, è necessario contrastare qualsiasi pressione psicologica da parte di ciascuno dei genitori che possa comportare un fenomeno di rifiuto dell’altro in favore di un maggiore, corretto, nonché armonico, sviluppo psichico e fisico del minore (PALS).

Le criticità condivise

Gli esperti del diritto di famiglia, le associazioni di genitori, gli psicologi, le femministe e comunque i “saggi” in una materia così delicata hanno espresso per lo più numerose su riserve su alcune criticità di ordine sociale, educativo-relazionale e processuale.

È stata fortemente sottolineata la totale inapplicabilità della mediazione nei casi di alta conflittualità tra le parti e nei casi di violenza domestica. Non sono mancate critiche (forse ingenerose) da parte di chi ha ricordato come il Sen. Avv. Pillon sia un mediatore familiare; pur tuttavia è almeno sorprendente che i primi 5 articoli del DDL si occupino dettagliatamente della creazione di tale profilo professionale. Tale soluzione ha in ogni caso diversi oggettivi aspetti negativi: da un lato si obbligano i due ex coniugi che si vogliono separare consensualmente a confrontarsi con più figure professionali; dall’altro vi è pure un notevole aumento dei costi.

C’è poi chi ha ritenuto, con una sorta di ragionevolezza, che la previsione del diritto del figlio di trascorrere con i genitori tempi paritetici o equipollenti in ragione della metà del proprio tempo, compresi i pernottamenti, comprometta gravemente la stabilità dei minori, spostati come pacchi postali, addirittura con due residenze, sacrificando una dimensione qualitativa del tempo con una più mediocremente materiale.

In effetti la cd. bigenitorialità non si misura in tempi, ma in una condivisa assunzione di responsabilità. La stessa progressiva eliminazione dell’assegno perequativo di contribuzione al mantenimento verso il cd. mantenimento diretto necessita come l’elaborazione di un complicatissimo ed elaboratissimo piano genitoriale che richiede una grande capacità comunicativa tra i genitori, prerequisito richiesto ma non pretendibile e neppure semplicemente verificabile, la cui difficoltà di realizzazione ha determinato l’insuccesso della Legge sull’Affido condiviso (54/2006).

Infine, è condivisibile chi resta obiettivamente perplesso nel considerare le previsioni sanzionatorie dell’art. 17, che postulano l’ammissione della contestatissima sindrome di alienazione parentale.

Non è possibile ritenere infatti che il rifiuto di vedere un genitore da parte di un figlio sia automaticamente da ricollegare ad una manipolazione dell’altro. Nella prassi mi sento di condividere questo assunto, essendo frequente che il rifiuto sia sintomatico, soprattutto nella fase dell’adolescenza, dinanzi a comportamenti di abbandono, di violenza familiare, di disinteresse e/o di poca collaborazione del genitore non collocatario.

Obiettivamente mi pare un progetto che cerchi di riequilibrare l’esigenza mediatica dei padri separati, ma non sia particolarmente attento alle vere esigenze dei figli. P.es. si è assolutamente persa l’occasione di riflettere sul difficilissimo caso dell’introduzione della figura terza (il nuovo compagno/a) dinanzi ai delicatissimi profili adolescenziali e/o infantili.

La fine della responsabilità coniugale

Giunto a questo punto vorrei ritornare all’incipit di questo editoriale.

Il Ddl presenta una breve quanto indisturbata disposizione, le cui conseguenze, rappresentano la fine di ogni responsabilità coniugale: l’art. 19.

L’articolo che di fatto elimina le separazioni con richiesta di addebito.

È una novità, motivata dall’esigenza di ridurre il contenzioso processuale.

Ma è una pericolosa novità. Contiene una minacciosa promessa: un’ulteriore e definitivo passo verso una concezione disimpegnata del matrimonio, considerato realtà sociale estremamente fallibile e perciò non più implicante un profilo di responsabilità per chi lo contrae.

Della serie e più semplicemente: poiché è difficile stare insieme, è meglio non assumersi eccessive responsabilità, almeno per quello che ci riguarda.

È la fine del senso stesso dell’etimo “coniuges”, come coloro che nella gioia e nel dolore vivono “sotto lo stesso giogo”.

Proverò a spiegarmi meglio, non lesinando un certo stupore per il senatore Pillon, la cui nota e pubblicizzata “visione del mondo (“la weltanschaung“) avrebbe dovuto probabilmente suggerirgli migliori considerazioni.

L’art. 19 del DDL recita testualmente: “All’articolo 151 del codice civile, il secondo comma è abrogato”.

Che significa?

Sedetevi, perché è estremamente interessante.

Il predetto comma abrogato avverte che “Il giudice, pronunziando la separazione, dichiara, ove ne ricorrano le circostanze e ne sia richiesto, a quale dei coniugi sia addebitabile la separazione in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio”.

Orbene, eliminando tale comma ne discenderebbe la conseguenza inevitabile dell’eliminazione dei giudizi di separazione giudiziale con richiesta di addebito, quella che un tempo veniva chiamata la “colpa”.

Fino ad oggi, ad esempio, se mi fossi reso colpevole di un conclamato adulterio oppure avessi rifiutato progressivamente l’assistenza morale e materiale verso mia moglie, sino a rendere intollerabile la convivenza, avrei di per sé violato l’art. 143 del Codice Civile, circa i diritti ed i doveri del matrimonio, tra i quali appunto l’obbligo reciproco alla fedeltà, l’assistenza morale e materiale, la collaborazione nell’interesse della famiglia e alla coabitazione.

È pur vero che dagli anni ’70-80, la Giurisprudenza aveva sempre più ristretto il campo di applicazione della violazione di tali obblighi. Si pensi p.es. all’obbligo di coabitazione e persino a quello di fedeltà, ritenuto significativo solo quando l’infedeltà si sia concretata in modo ingiustificabile, pubblico ed in diretto rapporto con l’intollerabilità della convivenza.

Tuttavia, proprio in virtù della permanenza di questa previsione di “addebitabilità” anche per il legislatore civile, il matrimonio gode ancora di uno speciale riconoscimento quale impegno, se non per tutta la vita, come dovrebbe essere per noi cattolici, almeno al rispetto materiale e morale dell’altro coniuge. Per questo, mia moglie (sempre lei!) avrebbe potuto rivolgersi al Tribunale per farmi addebitare la separazione, ove avesse potuto dimostrare che la nostra convivenza per tal siffatto comportamento si era resa intollerabile. Accogliendo eventualmente la sua domanda il giudice mi avrebbe condannato alle spese legali, con conseguenze anche sul diritto ereditario e sotto il profilo di un concorrente probabile ulteriore giudizio per il risarcimento del danno. Insomma mi addebitava una certa responsabilità in virtù del disfacimento di un rapporto istituzionale il cui valore sociale e morale è riconosciuto anche dall’art. 29 della Costituzione.

Mi si dirà che il contenzioso processuale è divenuto oramai insopportabile con richieste di addebito spesso peregrine, defatigatorie e campate per aria. Altrettanto che non sarebbe precluso un giudizio per il risarcimento del danno restando in vigore l’art 143.

Però è indubitabile che il profilo normativo che ora si vuole introdurre, con immediata evidenza, spersonalizza la dimensione coniugale del matrimonio, limitandosi ad una dimensione puramente genitoriale.

È un nuovo passo verso il definitivo tramonto della protezione giuridica del bene coniugale?

Ne dovrei parlare con mia moglie: “mi hai scelto per essere il padre dei miei figli. Come marito farò del mio meglio, ma se non dovessi riuscirci, mi dispiace…”- mi verrebbe da dirle.

Ma sono sicuro che lei mi risponderebbe: “amore deriva da a-mors, non-morte. Tu per me tesoro, non morirai mai…”.

Leggi anche:

Il testo del DDL 735:

Allegati

Posted in #Actuality

Ecco come distruggiamo la mente dei nostri figli

Ecco come distruggiamo la mente dei nostri figli

di Dr.ssa Tiziana Cristofari*

Sette mesi prima di morire, il famoso psichiatra americano Leon Eisenberg, che ha scoperto il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), ha dichiarato al settimanale tedesco Der Spiegel che le cause genetiche di tale malattia (sulla quale si basavano l’esclusione della responsabilità genitoriale e molte delle prescrizioni di pillole) erano chiaramente sovrastimate.

Sono una pedagogista-docente e mi occupo di formazione oramai da diversi anni. Troppo spesso però vedo una situazione che non posso più tacere, anche se non è la prima volta che ne parlo. Sono molto indignata per la facilità con cui i nostri bambini vengono giudicati e “torturati” psicologicamente.

E non sto esagerando! Perché la tortura non è solo quella fisica, ma anche e ai nostri giorni soprattutto, quella psicologica. Viviamo in una società molto superficiale, dove i tempi frenetici e la poca pazienza che abbiamo nei confronti dei nostri bambini e delle nostre bambine, ci spingono a conclusioni affrettate sulle loro potenzialità e capacità cognitive, purché ci sollevino dall’incombenza di seguirli negli studi.

Troppo spesso i genitori mi portano i loro figli emotivamente avviliti, psicologicamente affranti, demotivati e senza più la minima autostima di se stessi. Arrivano da me dicendomi che il loro bambino o la loro bambina ha difficoltà nello studio; che piange perché non vuole studiare; che non vuole andare a scuola. Me li portano dicendomi che l’insegnante gli ha detto che sicuramente ha qualche problema cognitivo, e quando arrivano da me hanno già fatto percorsi con il logopedista e il più delle volte, il medico, gli ha certificato un ritardo nell’apprendimento.

Ma sapete una cosa? Nel 99% dei casi, il bambino o la bambina non ha niente, recuperando nel giro di un anno scolastico tutte le carenze! Mi sono chiesta più volte se voi vi foste mai domandati come reagiscono i vostri figli a tutte queste chiacchiere non vere sulla loro capacità di apprendimento.

Vi siete mai chiesti cosa provano? Come stanno? Cosa pensano di tutte quelle ricerche mediche e quelle esercitazioni alienanti, ai quali vengono sottoposti anche solo perché hanno una pessima scrittura? Vi siete mai chiesti guardando la calligrafia di un medico se anche lui fosse disgrafico?

Ve lo dico io cosa pensano i nostri figli! Pensano di essere inferiori, di essere diversi, stupidi, non capaci come i loro compagni di classe. E la loro psiche lentamente cambia e diventa brutta. Perdono la loro autostima, diventano tristi, paurosi e a scuola non rendono più, non si sentono capaci e si convincono di non riuscire negli studi; dentro di loro si domandano perché devono continuare a studiare; perché devono andare a scuola, a cosa serve… perché la scuola non brucia!

Io sono molto indignata! Con insegnanti impreparati nella didattica che si sentono in diritto di diagnosticare senza averne la competenza. Sono molto indignata! Con la connivenza dei medici psichiatri che devono trovare necessariamente un’anomalia in un bambino che ha solo bisogno di essere rispettato nei suoi tempi di apprendimento, mentre la loro diagnosi è basata su statistiche (vi ricordo che Albert Einstein ha mostrato la sua genialità solo all’università, risultando terribilmente carente in tutti i precedenti corsi di studi, soprattutto in matematica; e nonostante oggi si dica che fosse dislessico, niente e nessuno allora, fortunatamente, gli ha impedito di credere in se stesso e di diventare ciò che tutti noi conosciamo). Vogliamo parlare dei logopedisti? Che uccidono il pensiero del bambino tediandolo con tanti esercizietti che allontanano sempre più il piccolo dalla scuola? E tutto questo pur di non ammettere che quel paziente non ha bisogno del loro aiuto, ma solo di una efficace didattica che loro ignorano completamente. Ma è tutto un sistema di scarica barile: l’insegnante ai genitori, i genitori al medico, il medico al logopedista e il logopedista sul problema diagnosticato dal medico che purtroppo si può migliorare, ma non curare. E non c’è la cura semplicemente perché non c’è la malattia!

Ma sono indignata anche con voi genitori! Che non avete la pazienza di ascoltarli i vostri figli; che li imboccate come se fossero sempre piccoli, senza svezzarli nel rapporto e nella loro continua e costante crescita di competenze. E questo è un errore grave, molto grave, perché non permettete loro di crescere, di sviluppare indipendenza, di conquistarsi quel pezzettino di mondo a scuola, che solo a loro appartiene.

Non avete voglia di seguire e capire i cambiamenti che la scuola li costringe a sviluppare, non avete la voglia di capire che il vero problema potrebbe essere nel rapporto con voi, con la maestra o con i compagni di classe. Perché è così: quasi sempre il problema scolastico ha le sue profonde radici nel rapporto umano.

Allora non distruggiamo la mente e la vitalità dei nostri figli, abbiate il coraggio e l’umiltà di valutare il vostro rapporto, di considerare quello che la maestra ha con vostro figlio o vostra figlia, prima ancora di intraprendere un percorso diagnostico, che in quanto tale, nella mente del bambino, riporta sempre e comunque a una malattia e quindi a una diversità dai compagni di scuola. Ricordandovi inoltre che oggi, quella che viene comunemente definita dislessia, il più delle volte è un abuso di terminologia e medicalizzazione su bambini sanissimi per questione di business. Non confondiamo le difficoltà didattiche e di rapporto con la scusa della malattia, una malattia che nessuno ha organicamente riscontrato e che si basa solo su statistiche.

Eviteremo così di crescere bambini insicuri, ribelli, aggressivi, svogliati, tristi, spaventati e senza autostima.

——–

*Tiziana Cristofari. Nata nel 1972 è laureata alla Facoltà di Scienze della Formazione con indirizzo in Scienze dell’Educazione. Consulente esperta nel campo educativo, formativo extrascolastico e nell’insegnamento: esperta con conoscenza degli ambiti disciplinari delle scienze umane, nelle attività di orientamento scolastico e professionale. Consulente pedagogico (professione disciplinata dalla Legge n. 4/2013). Mediatore culturale e familiare. Consulente in ambito giuridico. Docente competente per bambini con DSA, ADHD o altro. Docente con i requisiti per l’insegnamento della Storia, della Filosofia, della Pedagogia, Sociologia e della Psicologia nelle scuole secondarie di II grado. Docente in lingua italiana per stranieri. Scrittrice.
Blog: http://www.figlimeravigliosi.it